Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Home
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Editore
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Catalogo
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Riviste
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Acquisto
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Librai
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Vendita
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Links
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Motori

Maria Cristina Barducci
I VELO E IL COLTELLO

L'aggressività femminile tra cura e cultura


Maria Cristina Barducci è membro didatta dell’AIPA e dell’ International Association of Analytical Psychology. Autrice per il Trattato di Psicologia Analitica, U.T.E.T 1992, della voce “Inconscio personale, inconscio collettivo”, ha pubblicato numerosi articoli sul tema dell’identità femminile e sulle figure femminili del mito, con particolare riferimento alla pratica terapeutica. Già redattrice della rivista Studi Junghiani collabora all’attività culturale dell’Associazione (convegni, seminari) e ricopre l’incarico di Coordinatrice per la Sezione Toscana AIPA di Firenze.
Ha collaborato con l’Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Medicina, per la formazione psicologica di medici e ostetriche (prof. a contratto). Vive e lavora privatamente a Firenze.

INDICE

  • Prefazione - Una dimora per le donne (E. Pulcini)
  • Prefazione alla seconda edizione (C. Albini Bravo, S. Carta)
  • Introduzione
  • Introduzione alla seconda edizione
  • 1. Le donne della Bibbia come figure del mito
  • 2. Una donna chiamata Tamar
  • 3. Maternità, aggressività, soggettività
  • 4. Il personaggio di Giuditta e il confronto con l'aggressività
  • 5. La vedovanza delle donne e il personaggio di Penelope
  • 6. Aggressività e femminilità: una difficile coniunctio
  • 7. Le madri assassine
  • 8. Medea: un incubo che torna
  • 9. Il cibo tra nutrimento e distruzione: ancora un mito
  • 10. Non-madre
  • 11. Siamo tutti junghiani? Soggettività femminile e metapsicologia junghiana, riflessioni
  • Note
  • Bibliografia

"Dai lavori pioneristici di Luce Irigaray all’“etica della cura” di Carol Gilligan, dal pensiero della “differenza sessuale” italiano (Muraro, Cavarero) alle proposte di un’ontologia del duale di area francese (Cixous, Battersby), fino alla politica della differenza di matrice anglosassone (Pateman, Elshstain), il pensiero femminile (chiamiamolo genericamente così) ha cercato di porre in atto un’enorme opera di decostruzione e di critica del pensiero occidentale. Ne ha dissodato con tenacia e capillarità ogni territorio (filosofico, etico, politico, psicologico), mostrandone le matrici essenzialmente maschili a patriarcali, e smascherandone aporie e contraddizioni, rimozioni e false certezze. Lavoro tanto più arduo quanto più preziosa e irrinunciabile era, ed è, la posta in gioco: che sta appunto nella improrogabile necessità di far luce su quel grande buco nero che è l’identità delle donne, la loro possibilità di porsi come soggetti; differenziandosi in primo luogo dalle immagini cogenti costruite dall’arrogante unilateralità del pensiero patriarcale. (...)
Si tratta (...) di scardinare quel postulato granitico millenario che ha prodotto, per le donne, la più potente coazione identitaria: vale a dire la loro identificazione con l’immagine materna, edificante, positiva, altruistica; cui ha corrisposto, in modo evidentemente dualistico e speculare, la condanna e la rimozione di ogni altro aspetto, stigmatizzato come aggressività, colpa, distruttività. (...)
Così Barducci si avventura generosamente (...) nel mare aperto del mito, per tentare, appunto, di trovare le tracce che consentano di superare quella scissione” (dalla Prefazione di Elena Pulcini).

 

(s)/3, pp. 288, f.to 14x21, Euro 18,00,
ISBN 88-87131-80-5, I ed. aprile 2006 - II ed. settembre 2014

Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Home
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Editore
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Catalogo
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Riviste
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Acquisto
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Librai
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Vendita
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Links
Blue_Swirl9340.gif (899 byte)
Motori